Villa San Michele: da Tiberio alla Svezia sotto lo sguardo di una Sfinge.

La sfinge egiziana, epoca Ramsete II XIII sec a.C – Villa San Michele, Anacapri

“Interrogate la grande Sfinge di granito, che sta accovacciata sul parapetto della cappella di San Michele. Ma domanderete invano. La Sfinge ha mantenuto il suo segreto per 5000 anni. La Sfinge manterrà il mio.” 

Villa San Michele: from Tiberius to Sweden under the gaze of a Sphinx.

You may ask the great granite sphinx, which is crouching on the parapet of the chapel of St. Michael, but you will ask in vain .The sphinx has kept her own secret for 5,000 years, the sphinx will keep mine.”

Continua a leggere

Il ponte di Tiberio ad Ariminum caput viarum!

img_9676

Ponte di Tiberio – Rimini

Ariminum (Rimini) fu fondata nel 268 a.C, prende il nome dal fiume Ariminus,attuale Marecchia, e fu da subito un importante crocevia e centro nevralgico per le rotte commerciali. Da qui partivano tre grandi strade consolari: la FLAMINIA,la POPILIA e l’EMILIA che collegavano la città con il resto dell’impero. Il ponte di Tiberio, insieme all’arco di Augusto, entrambe opere monumentali sono la finestra su un periodo di grande prosperità, il I sec a.C/ I sec d.C quando Rimini diventò sempre più importante abbellendosi di ricche domus e di uno degli anfiteatri più grandi d’Italia. Continua a leggere

Villa Iovis, amata da Tiberio svetta su Capri, bella e impossibile!

CAPRI e il promontorio dove sorge la villa

CAPRI e il promontorio dove sorge la villa

Ma quando rimase privo di entrambi i figli, Germanico morto in Siria e Druso a Roma, cercò la solitudine in Campania e quasi tutti erano convinti che non ne sarebbe più ritornato…si recò a CAPRI, particolarmente attratto da quell’isola perché la si raggiungeva da un solo piccolo litorale, mentre tutt’intorno c’erano altissime rupi scoscese e mare profondo”. [Svetonio, Libro III,39-40, Tiberio]

Continua a leggere

TIBERIO,quando l’infanzia ti segna per la vita.

IMG_3158

Tiberio Giulio Cesare Augusto nato nel 42 a. C fu il secondo imperatore romano.

Non notate nulla di strano in questa affermazione?

No?

Fu il SECONDO imperatore romano.

Prima di lui, cioè il primo, fu il DIVINO AUGUSTO.

Colui che fu il fondatore di un Impero che tutto il pianeta ancora ci invidia. Non solo, era anche bello, intelligente, incorruttibile e nientepopodimenoche l’erede di un altro divino in terra, GIULIO CESARE.

Continua a leggere

GIULIO CESARE GERMANICO

Immagine

Germanico,statua di bronzo I sec d.C, Museo Archeologico di Amelia,Umbria
Foto by CD ( CC-BY)

Statua in bronzo di Giulio Cesare Germanico ritrovata nel 1963 ad Amelia l’antica cittadina romana di Ameria in Umbria. La statua di grande valore vista la rarità di opere complete in bronzo che sono riuscite ad arrivare ai nostri giorni, si trova oggi al Museo Archeologico di Amelia. L’acconciatura iconografica e i lineamenti facciali della testa lo identificano con Germanico (15 a.C – 19 d.C) figlio di Druso Maggiore fratello di Tiberio e futuro padre di Caligola. Morì giovane ad Antiochia dopo che era stato adottato nel 4 d.C, per volere di Augusto, dallo zio Tiberio.

The bronze statue of Julius Caesar Germanicus found in 1963 in Amelia the ancient Roman town of Ameria in the Umbria region. The statue of great value given the rarity of complete works in bronze that managed to get to this day, is now in the Archaeological Museum of Amelia.The iconographic hairstyle and facial features of the head identify him with Germanicus (15 B.C. – 19 d.C) son of Nero Claudius Drusus the brother of Tiberius and the future father of Caligula. He died young in Antioch after it had been adopted in 4 d.C, because of the will of Augustus, by his uncle Tiberius 

Continua a leggere