Mozia, gioiello dei Fenici che i Greci vollero a tutti i costi.

IMG_1985

“Dionigi dopo un’esplorazione dei luoghi con gli architetti, cominciò a costruire dei moli fino a Mozia e tirò a secco le navi da guerra all’entrata del porto. Completato il molo accostò alle mura macchine di ogni genere e iniziò a colpire le torri con gli arieti e a respingere con le catapulte quelli che combattevano sugli spalti.Gli abitanti di Mozia anche di fronte al pericolo reale non si lasciarono intimorire dalle forze di Dionigi sebbene in quel frangente non avessero alleati.” [Diodoro Siculo – Bibliotheca Historica] Continua a leggere