La Domus del Banchetto a Gubbio, i suoi mosaici e il mistero dei pavimenti sfondati.

Mosaico del banchetto – Gubbio

GUBBIO. Quando la nomini la prima cosa che viene in mente a tutti è San Francesco. Il santo che parlava con il lupo e con tutti gli animali, il giovane soldato aristocratico che di punto in bianco decise di gettare le sue ricche vesti per indossare il saio. Gubbio però prima di essere famosa per il suo lupo era una fiorente cittadina romana che ci ha lasciato  innumerevoli reperti e opere, la più grande delle quali è sicuramente il teatro. Vicino al teatro però c’era una grande area residenziale dove una preziosa domus, aperta da poco al pubblico, ha al suo interno dei mosaici unici e bellissimi. – The Domus of the Banquet in Gubbio, its mosaics and the mystery of the collapsed floors! Continua a leggere

Lucio Voreno e Giulio Cesare in marcia verso Roma si fermarono a Bevagna?

[“Erant in ea legione fortissimi viri centuriones qui iam primis ordinibus adpropinquarent, Titus Pullo et Lucius Vorenus, hi perpetuas inter se controversias habebant, uter alteri anteferretur, omnibusque annis de loco summis simultatibus contendebant.” ] 

Vi erano in quella legione due valorosissimi ufficiali. ormai vicini al rango di primi centurioni: Tito  Pullione e Lucio Voreno. Fra loro non cessavano mai di contendere sul primo posto e ogni anno se lo disputavano con grande accanimento.” [Libro V De Bello Gallico – G. Cesare] Continua a leggere

La Casa del Criptoportico di Vulci

IMG_5858

Vulci è tra i più importanti centri dell’Etruria Antica. Nel periodo del suo massimo splendore fece parte della lega delle grandi città-stato etrusche e la sua posizione molto favorevole per i commerci la resero una delle città con maggior influenza nel Mediterraneo. Gli scambi con la Grecia e l’Oriente alimentarono una industria artigiana e commerciale estremamente  fiorente, la sua pozione su di un altopiano, oggi nel comune di Montalto di Castro ( VT)  a soli 10 km dal mare e  la navigabilità di un fiume importante, il Fiora, su cui aveva il porto, furono la sua fortuna. Nel 600-500 a.C Vulci era una delle città più potenti dell’Etruria.

Vulci is one of the most important ancient centers of Etruria. In the period of its greatest splendor was part of the league of major Etruscan city-states and its very favorable position for commerce made it one of the cities with greater influence in the Mediterranean. Exchanges with Greece and the East fueled an extremely flourishing artisan and commercial industry, his potion on a plateau, today in the municipality of Montalto di Castro (VT) just 10 km from the sea and the navigability of an important river, Fiora, on which he had the port, were his fortune. In 600-500 B.C. Vulci was one of the most powerful cities of Etruria. Continua a leggere

Carsulae, la città dove si riposavano le legioni dell’esercito romano.

IMG_3420

Il teatro

“I Capi del partito (dei Flavi), giunti a Carsulae si prendono pochi giorni di riposo, in attesa che il grosso dell’esercito li raggiunga con le insegne. La località stessa del campo era assai piacevole: la vista era molto ampia, assicurati i rifornimenti per le truppe, avevano alle spalle municipi estremamente fiorenti “ TACITO, Hist., III, 60
“The Chiefs of the party (Flavian), arrived at Carsulae, they take a few days off, waiting for the majority of the army to join them with the insignia. The location of the camp itself was very nice: the view was very wide, assuring supplies for the troops they had behind them extremely flourishing municipalities..” TACITUS, Hist., III, 60

Continua a leggere

“Nessun golfo al mondo è splendido come quello di Baia”

IMG_8246

La vista da Baia  – The view from Baia

Nessun golfo al mondo è splendido come quello di Baia“. Così scriveva il poeta Orazio alla fine del I sec a.C.

No bay in the world is as splendid as Baia.” So wrote the poet Horace at the end of the first century BC

Continua a leggere