La Domus del Banchetto a Gubbio, i suoi mosaici e il mistero dei pavimenti sfondati.

Mosaico del banchetto – Gubbio

GUBBIO. Quando la nomini la prima cosa che viene in mente a tutti è San Francesco. Il santo che parlava con il lupo e con tutti gli animali, il giovane soldato aristocratico che di punto in bianco decise di gettare le sue ricche vesti per indossare il saio. Gubbio però prima di essere famosa per il suo lupo era una fiorente cittadina romana che ci ha lasciato  innumerevoli reperti e opere, la più grande delle quali è sicuramente il teatro. Vicino al teatro però c’era una grande area residenziale dove una preziosa domus, aperta da poco al pubblico, ha al suo interno dei mosaici unici e bellissimi. – The Domus of the Banquet in Gubbio, its mosaics and the mystery of the collapsed floors! Continua a leggere

Il mosaico delle barche di Rimini. The ships mosaic in Rimini.

Mosaico delle navi – Museo della Città di Rimini

Benvenuti nella mia casa! Il proprietario di questa bellissima domus doveva essere un “navicularius” un armatore o proprietario di navi. Le imbarcazioni cariche che entrano nel porto erano simbolo di ricchezza e fortuna. Ercole al centro del mosaico rappresentava ancora di più una ricchezza benvoluta dagli dei. Palazzo Diotallevi, a nord del decumano massimo, nasconde nelle su fondamenta i resti di una prestigiosa domus del II secolo d.C. cresciuta su un sito abitato fin dalla fase di fondazione di Ariminum. Il pavimento del triclinio di rappresentanza è un capolavoro d’immagine di quella che fu la vita del suo proprietario.

Welcome to my home! The owner of this beautiful domus had to be a “navicularius” a shipowner. The loaded vessels entering the harbor were a symbol of wealth and good fortune. Hercules at the center of the mosaic still represented more wealth well-liked by the gods. Palazzo Diotallevi, north of decumanus maximus, hides in the foundations the remains of the prestigious domus of the II century A.D. It was built on a site inhabited since the Ariminum foundation. The floor of the representation triclinium is a masterpiece of a picture of what was the life of his owner. Continua a leggere

Tra bisturi e mosaici. La domus del chirurgo a Rimini. The surgeon’s house.

img_9493

LA DOMUS – Casa del Chirurgo – Piazza Ferrari ,Rimini

Più di 40 bisturi, numerosi forcipi, uncini acuminati per trattenere i margini delle incisioni, aghi, due trapani a mano per interventi cranici, sette pinze odontoiatriche, cucchiai per rimuovere i calcoli dalla vescica, mortai dove preparare i farmaci, un ambulatorio dove far riposare il paziente…a un buonuomo di nome Eutyches…” il graffito sopra il letto che sembra essere proprio un ringraziamento scritto da un paziente che giaceva lì sotto le cure del medico..Una domus unica nel suo genere, con più di 150 strumenti in bronzo e in ferro, una quantità doppia rispetto a ritrovamenti attribuibili all’Impero Romano. Una domus che grazie all’incendio che la colpì e alla sua rovina ha conservato sotto la sua cenere un patrimonio unico ed inestimabile. Continua a leggere

I mosaici della villa romana di Lilibeo.

IMG_1701

CAVE CANEM – Mosaico all’ingresso della villa – Capo Boeo, Marsala

Nella Sicilia Occidentale dove sorge ora la città di Marsala, anticamente vi era la città di Lilibeo, che grazie alla sua posizione strategica nel Mediterraneo ebbe sempre una grande importanza. Avamposto cartaginese fu fondata dai superstiti di Mozia  e assunse poi un ruolo decisivo sotto il dominio romano quando vi ebbe sede uno dei due questori che Roma inviava in Sicilia (l’altro aveva sede a Siracusa). A Lilibeo, tra gli altri, fu questore Cicerone.  Continua a leggere

Memento Mori..mò me lo segno..!

Chi non si ricorda questa scena stupenda ed divertente del film Non ci resta che piangere
? Massimo Troisi e Roberto Benigni, ossia Mario e Saverio, catapultati nel 1492 cercano disperatamente di fermare Cristoforo Colombo per impedirgli di scoprire l’America cosicché la sorella di Benigni non si innamorerà di un americano che alla fine la lascerà facendola cadere in depressione! Mi sembrava un inizio simpatico per introdurre quello che per gli antichi romani era un immancabile rito durante i pasti, soprattutto quando il cibo e le bevande abbondavano a tavola e gli ospiti pure! MEMENTO MORI (ricordati che devi morire!)

Ma i romani la sapevano lunga e questo rito era in realtà un inno alla vita, al presente e alla capacità di divertirsi senza pensare alle disgrazie della vita!

Who does not remember this hilarious and great scene from the film “Non ci resta che piangere” ” Massimo Troisi and Roberto Benigni, namely Mario and Saverio, catapulted in 1492 desperately are trying to stop Christopher Columbus to prevent him from discovering America so that the sister of Benigni does not fall in love with an American who in the end will leave her causing her to fall into depression! It seemed a nice start to introduce what the Romans were used to have aparticular rite during meals, especially when the food and drinks were abundant at the table and the guests as well! MEMENTO MORI (remember that you must die!) [The two pictures tell: Remember you must die! – …ok..I will take a note…..]

But the Romans knew a thing or two and this ritual was in fact a hymn to life, to the present and to the ability to have fun without thinking about the misfortunes of life! Continua a leggere

Il mosaico della caccia. Horti Liciniani

IMG_9527

Scena di caccia – Mosaico Horti Liciniani – Centrale Montemartini Roma

Nella sala delle caldaie del Museo Centrale Montemartini a Roma c’è un mosaico pavimentale bellissimo, che per scena di caccia, è secondo solo al mosaico di Villa Armerina in Sicilia. Un vero unicum a Roma, rappresenta una caccia al cinghiale, orsi e gazzelle con i cani molossi con tanto di collare e a cavallo. Ritrovato vicino agli Horti Liciniani in quella che fu una residenza imperiale del tardo IV secolo d.C  e si conosce l’esistenza di tale domus in quanto nella Historia Augusta, alla vita di Galieno si legge che l’imperatore era solito soggiornarvi con tutta la corte. Studi topografici ritengono che sia appunto questa residenza nella zona nord-orientale dell Esquilino a Roma. Continua a leggere