Il Mosè di Michelangelo, la sua splendida tragedia.

Mosè (1505-1545), Michelangelo – San Pietro in Vincoli, Roma

Spaventosamente bello. Mosè non appartiene alla storia romana, lo sappiamo e quindi verrebbe da chiedersi perché è finito in questo blog. Forse non tutti sanno però che nella chiesa in cui è conservato questo capolavoro, San Pietro in Vincoli, ci sono 20 colonne doriche tra le più belle conservate a Roma. Colonne alte più di sei metri di marmo imezio non dissimile da quello di Carrara, nate per un tempio greco ma riutilizzate dai romani sull’ Esquilino e donate da Valentiniano alla moglie nella metà del V sec d.C  per ristrutturare la chiesa già edificata su un preesistente luogo sacro. Non solo, ma la Chiesa è costruita sopra una splendida domus romana di epoca neroniana che, considerata con la stupefacente bellezza della statua di Mosè, ha fatto sì che ho deciso di inserire Mosè tra Adriano, i mosaici e le ville romane. Continua a leggere

La Gerusalemme di Bologna, nata dal culto di Iside ora ha uno dei presepi più belli della città!

img_9394

IL PRESEPE – BASILICA DI VITALE E AGRICOLA – IV SEC d.C

La storia del complesso delle Sette Chiese di S.Stefano (di cui ne restano solo 4 oggi), nasce 2000 anni fa quando una ricca sorgente, tutt’ora esistente sotto una grata nella Chiesa del Santo Sepolcro fu scelta come luogo dove costruire un tempio in onore di Iside. Nei secoli il complesso si è allargato con piccole basiliche,cortili e chiese fino a diventare un intero e unico luogo di culto cristiano. Alla fine del I sec d.C periodo di forte espansione delle religioni misteriche alcuni adepti portarono dall’Egitto con un anfora o altro contenitore le sacre acque del Nilo con le quali santificarono la sorgente. Non sappiamo per quanto tempo questi adepti furono liberi di praticare i loro riti pagani, ma il piccolo complesso diventò cristiano per certo quando nel IV sec Sant’Ambrogio commentò il ritrovamento dei corpi dei protomartiri Vitale e Agricola (III-IV secolo, i due cristiani , uno un signore e l’altro il suo servo,che subirono il martirio a Bologna e che sono venerati come santi dalla Chiesa cattolica).  Continua a leggere