“Caligula”. Un libro che sorprende.

“Caligula” di Maria Grazia Siliato – A. Mondadori Editore © 2005. #lerecensionidiVVMM#

Un viaggio coinvolgente e inaspettato, un’analisi ed una interpretazione che ti catturano sin dalle prime pagine con la leggerezza di un romanzo ma con la profondità della storia che viene spesso interpretata solo dai vinti. Caligola lo conosciamo tutti e di lui sappiamo attraverso le cronache letterarie di secoli che fu un imperatore folle, odiato da molti e per sempre cancellato con la damnatio memoriae“.  Eppure le fonti ci raccontano che quando fu eletto il popolo romano esultò, era il giovane figlio di Germanico (qui la sua bellissima statua) il generale amato da tutti che morì assassinato ad Antiochia e di Agrippina, una donna forte, bellissima, un esempio di fedeltà muliebre. Com’è possibile che nel giro di quattro anni fu invece considerato alla pari di una piaga infetta che avrebbe distrutto l’Impero?

“Gli scritti superstiti, poi, hanno viaggiato attraverso i secoli, non incorruttibilmente scolpiti sulla pietra, ma in copie delle copie delle copie, tratte senza controllo, o miserabilmente tradotte, durante oscuri secoli medevali, in biblioteche bizantine o in monasteri d’occidente, quando la memoria dell’antico impero era sommersa dall’odio. Così, troppo spesso, per raccogliere fedelmente un’antica storia, occorre lottare con l’incompletezza o la partigianeria delle testimonianze scritte. Invece i ritrovamenti archeologici – edifici, iscrizioni, monete, tombe, ostraka, marmi, bronzi, affreschi, gioielli, tessuti, monumenti…- irrompono dal passato come la voce di una testimonianza incorruttibile”

Con queste parole il libro si chiude e sono parole così vere che dopo aver letto tutte le 487 pagine non ne rimani assolutamente stupito. Parole che pesano come macigni e che spiegano e non giustificano l’interpretazione di una vita che fu breve ma terribilemente intensa. Il libro inizia raccontando l’infanzia di Caligola che fu felicissima ma allo stesso tempo devastante. La sua famiglia fu massacrata e le testimonianze archeologiche di quello che fu il suo dolore di bambino e di adolescente lo ritroviamo, da imperatore, nelle monete, nell’amore per l’Egitto e in quella stele funeraria che fece fare per le ceneri di sua madre, prigioniera esiliata e lasciata morire di fame sull’isola di Pandataria“OSSA”, la prima parola che si legge, più grande delle altre.

“OSSA. AGRIPPINAE M. AGRIPPAE F. DIVI AUG. NEPOTIS UXORIS                                  GERMANICI CAESARIS MATRIS C. CAESARIS AUG.                                                      GERMANICI PRINCIPIS. “

Il libro vuole essere una seconda voce fuori dal coro. Ti travolge la chiara e lucida visione di una vendetta per tutti i torti subiti che Caligola vorrebbe mettere in atto per riuscire a dare al dolore provato da ragazzo un senso e forse una ragione. L’autrice riesce in modo semplice ma molto efficace a trascinarti in quello che è un vero viaggio autobiografico di Caligola stesso: i suoi pensieri, i suoi progetti, i suoi stratagemmi per rimanere vivo in quella carneficina che fu la sua infanzia e poi, rimasto solo, la paura e la rabbia della sua adolescenza…

Il padre di Caligola, Nerone Claudio Druso Germanico – Museo Archeologico di Amelia Photo©vvmm

Personaggi, citazioni storiche, evidenze archeologiche fanno da contorno nel racconto. L’autrice riesce a inserirli in modo efficace e non pesante, così da spingerti ad andare a cercare altre informazioni, perchè vuoi capire meglio e vuoi tornare a guardare la storia nel modo più onesto possibile. Soffri e gioisci con il protagonista e alla fine del libro non riuscirai più a guardare un busto del terzo imperatore di Roma senza pensare che forse sì, fu crudele, ma l’amore per la sua famiglia fu l’unico vero motivo che lo portò alla morte.

Un libro che per chi è appassionato di storia antica è decisamente un “must”. 🙂

Busto con lorica di Caligola, trovato a Roma, 37-41 d.C., Ny Carlsberg Glyptotek, Copenaghen – Wikipedia Photo credit Carole Raddato

IL LIBRO è fuori catalogo e non disponibile sui più comuni bookstore ma lo si trova nelle biblioteche o usato su Ebay, dove l’ho trovato io. 🙂

Della stessa autrice “Masada” altro libro che consiglio.

 

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...