Villa Adriana, il sogno di un imperatore.

Hermes del Canopo – Hermes

Publio Elio Traiano Adriano, imperatore dal 117 d.C fino alla sua morte nel 138 d.C, fu un imperatore filosofo, militare e viaggiatore. Personalità complessa e affascinante, amava la Grecia ma credeva nella superiorità di Roma. Fu uno dei “buoni imperatori” secondo lo storico Edward Gibbon, mantenne le conquiste di Traiano e il suo governo fu caratterizzato da tolleranza, efficienza e splendore delle arti e della filosofia. La grande villa che si fece costruire, Villa Adriana a Tivoli, Patrimonio dell’Unesco dal 1999, è stato il più grande esempio romano di “giardino alessandrino” e costituisce l’esempio più notevole di una dimora immensa costruita con passione. Per chi non è mai stato a Villa Adriana è difficile spiegare la sensazione che si prova quando si inizia a passeggiare in questa tenuta di 120 ettari. Non ha nulla della città ma non ha nulla nemmeno della villa privata. E’ unica nel suo genere, come lo era Adriano. Avvolti nel suo silenzio cosa ispira di più? la storia o la natura? difficile dirlo…..

Hadrian, emperor from 117 to 138 d.C d.C date of his death, was a philosopher-emperor, a military and a traveler with complex and fascinating personality, he loved Greece, but he believed in the superiority of Rome. He was one of “good emperors” according to historian Edward Gibbon. He kept the conquests of Trajan and his rule was characterized by tolerance, efficiency and splendor of the arts and philosophy.The large villa he built in Tivoli, UNESCO World Heritage, has been the greatest example of Roman “Alexandrian garden” and is the most notable example of an immense residence built with passion. For those who have never been to Hadrian’s Villa it is difficult to explain the feeling you get when you start to walk around in this 120-hectare estate. It has nothing of the city but it has nothing even of a private villa. It’s unique of its kind. Wrapped in his silence what inspires you more? the history or the nature? Hard to say ….

Palazzo dei Pilastri Dorici – The doric pillars palace

Grandi Terme – Big Baths

Il Tempio di Venere

Il Canopo

Il Serapeo sullo sfondo e il Canopo

Serapeo – Serapeus

Palazzo imperiale d’inverno – The winter imperial palace

LE CENTINAIA DI STATUE  – THE HUNDREDS OF STATUES

Delle centinaia di statue che adornavano la Villa, ce ne sono rimaste veramente poche. Furono trafugate e rivendute durante gli ultimi secoli e oggi possiamo ammirare quelle che ci sono rimaste  a Palazzo Massimo, ai Musei Capitolini, ai Musei Vaticani e in qualche museo all’estero. Le Cariatidi originali della Villa sonopresso l’Antiquarium di fianco al Canopo ma sono visitabili solo in alcuni giorni dell’anno. – Of the hundreds of statues that adorned the villa, there are very few left. They were stolen and resold during the last centuries and today we can admire those that have remained in Palazzo Massimo, Capitoline Museums, Vatican Museums and some museums abroad.The original Caryatids of the Villa are at the Antiquarium alongside the Canopus but the museum is open only few days of the year.

Piazza d’Oro

Veduta del Pecile – View of the Pecile

 

Strada della servitù sullo sfondo le Cento Camerelle – The servants road and the Hundreds chambers.

Due parole sull’edificio di Roccabruna: l’edificio in epoca adrianea era probabilmente quella di Belvedere, posta com’è in uno dei luoghi più panoramici della Villa affacciati dalla torre si poteva vedere da un lato la campagna romana, Roma stessa, fino al mare e dall’altro i Monti Lepini. La passione di Adriano per l’astronomia fa pensare inoltre che la Torre di Roccabruna potesse essere utilizzata come osservatorio astronomico. La torre si confronta con edifici simili che sappiamo esistevano a Roma. Le massicce strutture fanno supporre l’esistenza di un terzo piano. Al tramonto del Solstizio d’estate la luce entra dall’ingresso principale e colpisce perfettamente la nicchia opposta dove era posta la statua di Iside ora conservata ai Musei Capitolini.

———————————-

Two words about  Roccabruna: in Hadrian’s time it was probably a Belvedere, situated as it is in one of the most scenic places  overlooking the Villa from where you can observe the Roman countryside and Rome itself. The passion of Hadrian in astronomy suggests also that the Tower of Roccabruna could be used as an astronomical observatory. The tower is compared with similar buildings that we know existed in Rome. The massive structures suggest the existence of a third floor. At sunset of the summer solstice the light enters from the main entrance and perfectly hits the opposite niche where was placed the statue of Isis now kept in the Capitoline Museums.

IL TEATRO MARITTIMO, la villa nella villa, qui il nostro articolo dedicato solo a questo luogo così particolare e magnifico. The Maritime Theater, the villa inside the villa, here our article about this beautiful piece of architecture.

IL MONDO SOTTERRANEO — THE UNDERGROUNDS

Villa Adriana  aveva una vera rete sotterranea metropolitana sia pedonale che carrabile che permetteva ai lavoratori e alla servitù di spostarsi in tutta la proprietà senza essere vista o agli animali di sporcare. Qui il nostro articolo. – Hadrian’s Villa had a real underground network both pedestrian and driveway that allowed workers, animals and servants to move throughout the property without being seen. Here if you want to see more.

Il Criptoportico sotto all’edificio detto Peschiera

 

2 thoughts on “Villa Adriana, il sogno di un imperatore.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...