La Domus del Banchetto a Gubbio, i suoi mosaici e il mistero dei pavimenti sfondati.

Mosaico del banchetto – Gubbio

GUBBIO. Quando la nomini la prima cosa che viene in mente a tutti è San Francesco. Il santo che parlava con il lupo e con tutti gli animali, il giovane soldato aristocratico che di punto in bianco decise di gettare le sue ricche vesti per indossare il saio. Gubbio però prima di essere famosa per il suo lupo era una fiorente cittadina romana che ci ha lasciato  innumerevoli reperti e opere, la più grande delle quali è sicuramente il teatro. Vicino al teatro però c’era una grande area residenziale dove una preziosa domus, aperta da poco al pubblico, ha al suo interno dei mosaici unici e bellissimi. – The Domus of the Banquet in Gubbio, its mosaics and the mystery of the collapsed floors!

La domus si trova in un’area chiamata “Della Guastuglia”, area occupata da un quartiere residenziale inquadrato tra il I sec a.C e il IV sec d.C . La Domus del Banchetto scavata nel 1970 è orientata Nord-Sud ed è costruita in opus vittatum, i sette ambienti  scavati sono caratterizzati da eleganti decorazioni pavimentali a mosaico tra cui due grandi mosaici in coccio pesto (color rossastro-rosa) perfettamente conservati. La domus è databile I sec a.C ma si possono vedere ristrutturazioni  databili fine III inizio IV sec d.C.

Gubbio. When you name it the first thing that comes to mind to all is St. Francis. The saint who spoke with the wolf and with all the animals, the young, aristocratic soldier who decided to throw his rich clothes to wear the tunic. Gubbio however, before being famous for his wolf was a thriving Roman town that left us countless finds and works, the largest of which is certainly the theater. Near the theater however, there was a large residential area where a precious domus, recently open to the public, has in its interior unique and beautiful mosaics.

The domus is located in an area called “Della Guastuglia”, an area occupied by a residential district between the 1st BC and 4th AD. The Banquet Domus excavated in 1970 is North-South oriented and it is built in opus vittatum. The seven excavated environments are characterized by elegant floor-mosaic decorations including two large mosaics in perfectly preserved  cocciopesto (reddish-pink) mosaics. The domus is dated to the I century BC but you can see restructurings dating back to the end of the III century and beginning of  IV AD.

Domus del Banchetto, area di scavo – Gubbio

Ciò che rende però interessante questa domus è la pavimentazione sfondata quasi in modo simmetrico su due pavimenti diversi. Nonostante siano state fatte diverse ipotesi quella più accreditata è quella che inizialmente queste fossero stanze adibite a terme e quindi il collasso del pavimento è dovuto ad ambienti vuoti sottostanti. Purtroppo a oggi non sono state fatte ricerche approfondite. Il geo-radar in realtà non ha visualizzato strutture tipicamente termali e non essendoci stata ancora la possibilità di fare ulteriori ricerche rimane il mistero di queste due voragini. Tutta l’area della casa è di fatto su un terreno che subì notevoli rimaneggiamenti nei secoli e la cosa straordinaria è che questi mosaici nonostante si trovino a meno di un metro sotto l’asse stradale odierno, siano ancora in perfetto stato di conservazione.

What  makes this domus interesting is the domus pavement smashed almost symmetrically on two different floors. Although different assumptions have been made, the most accredited one is the one that was initially a bath-room and therefore the collapse of the floor is due to underlying empty environments. Unfortunately, no extensive research has been done today. The geo-radar did not actually display typical thermal structures, and since there have not been any further researches, the mystery of these two holes remains. The whole area of the house is in fact on a land that has undergone considerable renovations over the centuries, and the amazing thing is that these mosaics are less than a meter below today’s road pavement, and are still in perfect state of preservation.

Dettaglio del Mosaico del banchetto – Gubbio

Il mosaico del banchetto: al centro vi è una coppia di figure  femminili  semi sdraiate su una struttura a quattro archi, probabilmente un pontile, una vestita, l’altra seminuda, con un mantello che copre le gambe mentre cinge con il braccio sinistro  la spalla della donna ammantata e con la mano destra porge una coppa verso un personaggio maschile in piedi a destra. L’uomo versa un liquidi probabilmente vino,dal rhyton. In alto a sinistra è raffigurato un personaggio maschile vestito di corta tunica e bassi calzari, sdraiato sulle rocce. L’iconografia è nota con piccole varianti a partire dal III sec d.C su mosaici, pitture e affreschi ed è di solito presente in spazi legati all’acqua, trova confronti ad Ostia e a Tunisi.

The mosaic of the banquet: at the center there is a pair of semi lying female figures on a four-arched structure, probably a jetty, a dresse oned, the other half-naked, with a mantle that covers the legs while encircling the shoulder with the left arm of the dressed woman and with her right hand she gives a cup to a male character standing right. The man pours some liquids probably wine from the rhyton. At the top left is a male figure dressed in short tunic and low boots, lying on the rocks. The iconography is known with small variants from the 3rd century BC on mosaics, paintings and frescoes and is usually present in water-related spaces, finds comparisons in Ostia and Tunis.

Dettaglio della voragine del mosaico del banchetto – Gubbio

 

Dettaglio di una grossolana ristrutturazione del mosaico del banchetto – Gubbio

 

Dettaglio del mosaico che si trovava sotto quello attuale del banchetto, la cornice a treccia sottostante al mosaico attuale – Gubbio – The old mosaic under the new one.

 

Mosaico in coccio pesto,stella a sette punte – Domus del Banchetto – Gubbio

Dettaglio mosaico con rosetta a petali doppi e semplici – Domus del Banchetto – Gubbio

 

Mosaico con stella a sette punte in disegno geometrico – Domus del Banchetto – Gubbio

 

Mosaico con rosetta centrale – Domus del Banchetto

 

Dettaglio geometrico

 

Mosaico di un altro ambiente attiguo – Domus del Banchetto – Gubbio

IL SECONDO PAVIMENTO CROLLATO – THE SECOND COLLAPSED FLOOR

Pavimento collassato di una delle stanze della Domus del Banchetto – Gubbio

Pavimento collassato di una delle stanze della Domus del Banchetto – Gubbio

Dettaglio di “rattoppo” probabilmente appartenente allo stesso periodo degli altri interventi sui mosaici nella domus – Gubbio

Pavimento collassato di una delle stanze della Domus del Banchetto – Gubbio

LA NUOVA STRUTTURA CHE RICOPRE LA DOMUS.

Area di fronte alla domus dove si vede il perimetro di un tempio. -Gubbio

LINKS:

AREA ARCHEOLOGICA DELLA GUASTUGLIA

TEATRO ROMANO

PERCORSO ARCHEOLOGICO, COMUNE DI GUBBIO

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...