Grandi Imperatori, grandi Re, grandi uomini.. ma fecero la storia da soli? Great emperors, great kings, great men .. but did they made history on their own?

IMG_4479

Bertold Brecht : “Domande di un lettore operaio” – “Questions from a worker who reads”

Il drammaturgo tedesco scrisse questa poesia nel 1935 in un periodo in cui la storia era spesso raccontata con i nomi dei grandi uomini. Dove la propaganda politica spingeva ad illuminare solo le figure storiche dei grandi personaggi dimenticandosi delle masse. Brecht qui si chiese chi fossero invece gli uomini normali che  vissero insieme a questi personaggi famosi e che parteciparono alle loro vite. Chi erano, cosa fecero, come vissero. Una  moltitudine di persone che nell’anonimato fece la storia con loro. Le persone comuni.

“Chi costruì Tebe dalle Sette Porte?
Dentro i libri ci sono i nomi dei re.
I re hanno trascinato quei blocchi di pietra?
Babilonia tante volte distrutta,
chi altrettante la riedificò? In quali case
di Lima lucente d’oro abitavano i costruttori?
Dove andarono i muratori, la sera che terminarono
la Grande Muraglia?
La grande Roma
è piena di archi di trionfo. Chi li costruì? Su chi
trionfarono i Cesari? La celebrata Bisanzio
aveva solo palazzi per i suoi abitanti?
Anche nella favolosa Atlantide
nella notte che il mare li inghiottì, affogarono
implorando aiuto dai loro schiavi.

Il giovane Alessandro conquistò l’India.
Lui solo?
Cesare sconfisse i Galli.
Non aveva con sé nemmeno un cuoco?
Filippo di Spagna pianse, quando la sua flotta
fu affondata. Nessun altro pianse?
Federico II vinse la guerra dei Sette Anni. Chi
vinse oltre a lui?

Ogni pagina una vittoria.
Chi cucinò la cena della vittoria? Ogni dieci anni un grande uomo.
Chi ne pagò le spese?

Tante vicende.
Tante domande.” 🙂

Poesie

IMG_1316

Archi del criptoportico – Grotte di Catullo

EMPERORS, KINGS, GREAT MEN…DID THEY MADE HISTORY ON THEIR OWN?

The German dramatist wrote this poem in 1935 in a period in which the story was often told with the names of great men, when political propaganda pushed to illuminate only the historical figures of the great characters  forgetting the masses . But Brecht  wondered who they were these normal men who lived together with these famous people taking part in their lives. Who they were, what they did, how they lived. A multitude of people who made history in anonymity with them. Ordinary people.

“Who built Thebes of the seven gates?
In the books you will find the names of kings.
Did the kings haul up the lumps of rock?
And Babylon, many times demolished
who raised it up so many times? In what houses
of gold-glittering Lima did the builders live?
Where, the evening that the Wall of China was finished
did the masons go?

Great Rome
is full of triumphal arches. Who erected them? Over whom
did the Caesars triumph? Had Byzantium, much praised in song
only palaces for its inhabitans? Even in fabled Atlantis
The night the ocean engulfed it
the drowning still bawled for their slaves.

The young Alexander conquered India.
Was he alone?
Caesar beat the Gauls.
Did he not have even a cook with him?

Philip of Spain wept when his armada
Went down. Was he the only one to weep?
Frederick the Second won the Seven Year’s War. Who
else won it?

Every page a victory.
Who cooked the feast for the victors?
Every ten years a great man?
Who paid the bill?

So many reports.
So many questions.” 🙂

Bertold Brecht

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...