Lucio Voreno e Giulio Cesare in marcia verso Roma si fermarono a Bevagna?

[“Erant in ea legione fortissimi viri centuriones qui iam primis ordinibus adpropinquarent, Titus Pullo et Lucius Vorenus, hi perpetuas inter se controversias habebant, uter alteri anteferretur, omnibusque annis de loco summis simultatibus contendebant.” ] 

Vi erano in quella legione due valorosissimi ufficiali. ormai vicini al rango di primi centurioni: Tito  Pullione e Lucio Voreno. Fra loro non cessavano mai di contendere sul primo posto e ogni anno se lo disputavano con grande accanimento.” [Libro V De Bello Gallico – G. Cesare]

IMG_2955

Ritratto di Voreno . Soffitto della sala Conciliare. Palazzo Lepri. Bevagna – Vorenus portrait on the ceiling of Palazzo Lepri

Dopo la serie televisiva della HBO “Roma”, tutti  lo conoscono, ma che, casualmente, mentre esploravo la Via Flaminia in Umbria mi potessi imbattere in Voreno sul serio, questo non me lo aspettavo. – After the HBO series, “Rome”, everybody knows him, but eventually while I explored the Flaminia Road in Umbria region I was not expecting to bump in Vorenus seriously….

A Bevagna, piccolo paese umbro sul ramo ovest della Via Flaminia romana, che attraversa la cittadina esattamente nel centro, all’interno del palazzo del museo civico sul soffitto della sala Conciliare eccoti rappresentato il centurione. Su quel ramo della Via Flaminia passò Cesare con il suo esercito marciando verso Roma ed oltre ad essere citato nel De Bello Gallico ritroviamo Lucio Voreno anche in una delle orazioni di Marco Tullio Cicerone dove prende le difese di questa famiglia, ma di cui purtroppo ci rimane solo qualche frase. Nella sala di Palazzo Lepri sono quindi raffigurati i ritratti di tutti i personaggi famosi che sono legati in un modo o nell’altro a questo piccolo paese. Scoperta che mi ha lasciata a bocca aperta..pensa un po’..chissà perchè è stato rappresentato proprio qui!

In Bevagna, a small Umbrian town on the west branch of the Roman Flaminia Road, which runs through the town exactly in the center, inside the civic museum’s building on the Conciliar room’s ceiling, there you are represented my dear centurion! On that branch of the Flaminia Road passed Caesar with his army marching towards Rome and in addition to being mentioned in De Bello Gallico we find Lucius Vorenus also in one of the orations of Cicero where he takes up the defense of this family, but of which there remain only a few words. In the Palazzo Lepri’s room they are then painted the portraits of all the famous people who are linked in one way or another to this little town. Discovery that has left me speechless,why right here in Bevagna was he represented?

IMG_5711

Frammento di tegola LEGIO XIIIIG – Museo Archeologico di Bologna

Frammento di tegola con bollo con iscrizione Legio XIIIIGemina(gemella) arruolata da Cesare nel 57 a.C, e congedata dopo il 46 a.C. e nuovamente arruolata da Ottaviano nel 41 d.C.Fu una delle legioni arruolate per l’invasione della Britannia nel 43 d.C e prese parte alla guerra contro Boadicea. A seguito d questa operazione la legione fu insignita del titolo onorifico di “Martia Victrix” (vittoriosa benedetta da Marte) da Nerone. Il simbolo della legio XIV era il capricorno.

Leggendo il De Bello Gallico si scopre che Voreno e Pullione appartenevano alla legione di Q.Tullio Cicerone che combatté eroicamente, vincendo contro Ambiorige principe degli Eburoni e di cui Cesare loda la vittoria. Ma di quale legione fosse a capo proprio Q.T. Cicerone a cui Voreno e Pullione obbedivano, Cesare non lo dice. Parla della Legio XIV solo quando dice di affidarla al comando di Cicerone in un momento successivo ma non si capisce se fosse la stessa che partecipò alla battaglia contro Ambiorige.

—————————————
Fragment of tile with a stamp with inscription Legio XIIII Gemina (twin) recruited by Caesar in 57 B.C., and dismissed after 46 BC and re-enlisted by Octavian in 41 A.D. It was one of the legions recruited for the invasion of Britain in 43 d.C and took part in the war against Boadicea. As a result of this the legion was awarded the honorary title of “Martia Victrix”(victorious blessed by Mars) by Nero. The symbol of Legio XIV was the Capricorn.

Reading the De Bello Gallico it turns out that Vorenus and Pullione belonged to the legion of Q.Tullio Cicero who fought heroically, winning against Ambiorix prince of the Eburones. But which legion was the one of  Q.T. Cicero, Caesar doesn’t say.

IMG_3320

La Via Flaminia attraversa Carsulae

IMG_2959 La Via Flaminia attraversa il centro di Bevagna, a destra il Museo Civico

La signora in biglietteria, considerato che il museo era deserto, mi ha intrattenuta in una bella chiacchierata spiegandomi che non è molto chiaro perchè Voreno sia stato rappresentato proprio qui, e a dimostrazione di questo interesse, mi mostra una ricerca che lei stessa stava facendo su questo centurione così famoso, ma allo stesso tempo sconosciuto. Di una cosa era certa però, che se a Bevagna esiste un ritratto di lui e quindi della sua famiglia, la Vorena, di cui si parla anche in alcune iscrizioni a Fulginium, significa che qui, le legioni di Cesare, passarono e presumibilmente si fermarono mentre ritornavano a Roma dopo aver oltrepassato il famoso Rubicone. Bisogna ricordarsi anche che molto vicino a Bevagna si trova Carsulae la città che era appunto famosa per essere un punto di ristoro delle legioni in marcia. Non è nemmeno da escludere che forse Voreno fosse originario proprio di questi luoghi. In queste riflessioni saluto la signora che gentilissima mi lascia leggere qualcosa e poi si rimette a studiare i suoi testi per la ricerca.

Proseguendo il mio cammino ho poi scoperto il resto di questa bellissima cittadina: i resti di un teatro ormai inglobato nelle case del paese, delle terme con un bellissimo mosaico e i resti di un tempio anch’esso inglobato dentro ad una chiesa medioevale.Qui un resoconto divertente della giornata dedicata alla sua scoperta (Bevagna on the road).

The lady at the ticket office, considered that the museum was empty explained to me that in fact no one knows why Vorenus has been represented right here and as a demonstration of this interest she showed me a search that she was doing about this centurion so famous, but at same time unknown. But on one thing she was certain, that if in Bevagna there is a portrait of him and there are traces of his family in nearby inscriptions, it means that here, the legions of Caesar presumably stopped while  they returned to Rome after crossing the famous Rubicon. We must also remember that very close to Bevagna there is Carsulae, the city that was famous as a resting place of the marching legions. Or is it possible that perhaps Vorenus was a native of these places..I start to think… I say hello to the very kind lady who let me read something and then goes back to studying his texts for her research.

Continuing my journey I discovered the rest of this beautiful ancient roman town: the remains of a theater now incorporated in the houses of the village, the baths with a beautiful mosaic and the remains of a temple which is also incorporated inside a medieval church.

IL BELLISSIMO MOSAICO DELLE TERME DI  BEVAGNA (II sec d.C) – THE         BEAUTIFUL PAVIMENTAL MOSAIC FROM THE BATHS (II century AD)

IMG_2991

Mosaico pavimentale delle Terme di Bevagna

IMG_2978

Mosaico pavimentale Terme di Bevagna

Via-Flaminia

La via Flaminia in Umbria e i suoi due rami, occidentale e orientale

IMG_20150413_185738

La Via Flaminia

cesrae

Le guerre in Gallia-De bello gallico

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...