Bevagna e l’isola che non c’è!

IMG_2952

Piazza Silvestri e Palazzo dei Consoli

Ho la mia solita mezza giornata libera dal lavoro e decido di continuare ad esplorare l’ Umbria. Dopo accurata indagine su internet, scopro un piccolo borgo sull’antica via Flaminia ricca di antichi reperti, Bevagna: terme romane, un anfiteatro,  un piccolo museo e le antiche mura medioevali ricostruite su quelle romane. Arrivo davanti alle mura con la macchina e parcheggio subito lì vicino.

Mi incammino lungo una stradina laterale e in poco tempo raggiungo l’arteria principale del paese che taglia il centro a metà…l’antica Via Flaminia…come al solito il tempo che ho a disposizione è  poco e odiando girare a vuoto per cercare le cose , fermo subito il primo passante e gli chiedo in che direzione devo andare per il museo civico.

Il tipo, sulla cinquantina, tutto vestito di verde, pantaloni, camicia, giacca , sciarpa e berretto rigorosamente VERDI mi guarda e mi fa con tono di rimprovero:

“LEI si trova nella parte più BRUTTA DELLA CITTA’!! (notare che  il paese ha 6000 anime e che a casa mia ciò ne fa un borgo..)

Lo guardo perplessa e quasi mi viene voglia di chiedergli scusa di essere finita proprio lì.

LO VEDE QUI INTORNO?? NON C’è NIENTE!! NIENTE !! continua..

…qualcosa mi dice che non è la persona giusta per darmi delle informazioni… Decido di lasciarlo al suo destino…

Faccio per salutarlo ma lui continua:

“ LEI…sta camminando sulla via FLAMINIA. “

“ Si lo so…”

“QUI CI PASSAVA  GIULIO CESARE!! “

“ Sì lo so…”

“ QUI CI ABITANO 6000 PERSONE!” dice con  voce  solenne.

Resto in silenzio un attimo…devo fuggire penso… ma invece la domanda mi esce spontanea:

“Ed è molto o poco? “ chiedo.

“MOLTISSIMO… comunque se vuole vedere la PARTE BELLA della CITTA’ mi deve seguire!!”

Non ho scelta…non c’è nessun altro in giro… Si incammina rapido e alla mia richiesta specifica di dov’è il museo civico risponde:

“ LEI ORA DEVE GIRARE A DESTRA E IN FONDO ALLE MURA TROVERA’ DEI GIARDINI BOTANICI BELLISSIMI!”

Ok….Peter Pan qui non mi lascia scelta e con voce decisa decido per  un’altra strategia:

“ A me interessa SOLO ciò che c’è di ROMANO!!”

“SISSIGNORA, ROMANO” risponde.

All’improvviso si ferma e con il dito mi indica una porta, mi giro e leggo: “Museo Civico di Bevagna”. Mi giro sollevata e faccio per ringraziarlo ma l’uomo è scomparso..SPARITO….non riesco a crederci…la strada deserta…probabilmente ritornato sull’isola che non c’è.

Dimentico l’episodio e visito il museo, sempre da sola, questo paese è veramente disabitato. In piazza riesco a farmi amica la signora della Pro Loco la quale, essendo che il paese era deserto, ( vedi foto allegata della piazza ) mi accompagna ed apre solo per me le famose Terme con un mosaico bellissimo. Poi mi porta a vedere l’anfiteatro romano, o ciò che ne resta sotto le case, anche questo aperto solo per me … e mentre camminiamo lungo le stradine mi accorgo di esserci già stata…sono nella  “PARTE PIU’ BRUTTA DELLA CITTA’.” Quella dove si trovano i reperti romani e le due  chiese più antiche.

Ah benissimo dico tra me  e me…

Pensando di aver finito il mio giro turistico ringrazio la signora ma lei, ANCHE LEI, mi guarda con tono di rimprovero e mi dice:

“LEI NON PUO’ ANDARSENE SENZA AVER FATTO VISITA ALLA PIETRA DI SAN FRANCESCO!”

La  guardo sconvolta: no signora…  LA PIETRA è a Gubbio….NON E’ QUI …mi dico..

qui trovi ( l’altra pietra, quella del lupo )

“ quale pietra…??.” chiedo sottovoce temendo la risposta..dopo Peter Pan ero pronta a tutto.

“ La pietra dove San Francesco parlò agli uccelli!”

Ahh…quindi ce ne sono due!! ma questo Santo parlava agli animali solo stando  in piedi sui sassi??

Quasi sentendo il mio pensiero continua:

“ Sì..è conservata dentro alla chiesa di San Francesco qui dietro.”. Mi da la mano e se ne va.

Perfetto penso. Senza indugio decido di andare a fotografare questa benedetta pietra, almeno questa!  Quella di  Gubbio me l’ero persa..

La chiesetta è in cima ad una salita, salgo la gradinata con passo svelto, entro aprendo con grande zelo la piccola porta di legno  e quella mi ritorna indietro violentemente con  conseguente spiaccica mento su di essa  della mia faccia!!

TUTE LE 6000 ANIME DEL PAESE ERANO LI DENTRO!

Non riesco nemmeno ad entrare… a fatica apro la porta e con la mano sul naso dolorante tento di sovrastare quel  muro umano che mi impedisce anche di vedere il fondo della chiesa…alcune persone disturbate dalla mia entrata  e dal mio botto si  girano e PURE LORO mi guardano con rimprovero….

“ scusate….mi sapete dire dov’è la pietra di San Francesco….?” chiedo in un dejavù violento….

“ In fondo dietro al coro, non credo che riuscirà a vederla” mi risponde un signore ..

Lo guardo disperata…

No..decisamente non riuscirò a vederla…è destino. Le pietre di San Francesco per quello che mi riguarda sono ancora  tutte sull’isola che non c’è….

Musei di Bevagna

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...