Giotto e i suoi miracoli

IMG_4022

Basilica di San Francesco, Assisi, Umbria,Italia

 

Ho solo tre ore per visitare Assisi.

Decido di identificare le cose più importanti da vedere ( tra cui ovviamente tutta la parte romana)  e con passo spedito raggiungo subito la Basilica di S. Francesco. Avevo letto su una vecchia guida di mio padre che all’interno ci sono dei dipinti di Giotto, un Cimabue e ovviamente la tomba del Santo.

Entro di gran carriera e mi dirigo verso il frate chino sul suo libro al banchetto informazioni.

Il frate alza la testa e mi guarda ancor prima che io lo raggiunga, probabilmente avverte lo spostamento d’aria causato dal mio incedere spedito.

Arrivo davanti a lui e subito ho un dejavù:

Davanti mi ritrovo un indios brasiliano con tanto di capelli a caschetto, sembra appena uscito dal film “Mission”. Quasi mi sembra di sentire il coro di voci dei suoi fratelli…

Mi sorride, gli sorrido e senza altri preamboli gli chiedo:

Mi può cortesemente dire dove si trovano ESATTAMENTE i dipinti di Giotto? (non avevo il tempo di girare per tutta la basilica, volevo andare subito a colpo sicuro).

L’indios mi sorride..indugia un attimo…..e poi alza gli occhi al cielo.

Resto impietrita davanti a lui aspettando con ansia l’informazione.

Dopo un attimo abbassa lo sguardo e mi sorride di nuovo…indugia un altro po’..e di nuovo alza gli occhi al cielo.

Resto un tantino disorientata..ma avrà capito cosa gli ho chiesto?

Perché alza gli occhi così??

Perchè NON PARLA?

Devo tirare fuori un flauto per comunicare con lui come faceva Jeremy Irons o devo rinunciare? Penso.

Nella mia testa il tic tac del tempo rimbomba.

Continuo a guardarlo e lui continua a sorridermi con quell’espressione di chi, pur avendo  nel dna secoli di vita difficile, sorride sempre.

Cerco di elaborare la situazione senza dover fare qualche brutta figura, ho fretta ma lui sono sicura non ha questa parola nel suo vocabolario….

Ma ecco che all’improvviso scende su di me la risposta.

Alzo gli occhi anche io e mi accorgo dell’apoteosi artistica di dipinti e colori che partono dal pavimento e coprono tutte le pareti e i soffitti senza lasciare nemmeno un triangolino vuoto.

WOW!!” esclamo ….e subito mi sento un po’ cretina (in effetti ero entrata senza guardare niente e nessuno se non il piccolo frate…)

“Ma sono tutti SUOI?  Mai vista una cosa così…” continuo sconvolta..

Resto per un attimo sopraffatta da tale visione…DEI VERI MIRACOLI  DIPINTI.

Finalmente l’indios parla e dice:

“No signora, non sono MIEI, sono di GIOTTO.”

E sorride felice per essere riuscito a darmi l’informazione…  e io la Basilica me la sono dovuta girare tutta.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...